SPAWHE: SINERGIC PLANTS, ARTIFICIAL WELLING, HYDROELECTRIC (PRESSURIZED) ENERGY. THE INTERACTIVE WORLD SYSTEM THAT PROTECTS THE ENVIRONMENT AND HUMAN HEALTH PRODUCING ENERGY.
SPAWHE: SINERGIC PLANTS, ARTIFICIAL WELLING, HYDROELECTRIC (PRESSURIZED) ENERGY.THE INTERACTIVE WORLD SYSTEM THAT PROTECTS THE ENVIRONMENT AND HUMAN HEALTH PRODUCING ENERGY.

Il COVID–19 E I CROLLI DELLE BORSE MONDIALI SONO DOVUTI ALLO SCONOSCIUTO PRINCIPIO DELL’IMPENETRABILITA’ DEI CORPI.

(Trentesima lettera aperta alla Corte di Giustizia Internazionale e Alle Nazioni Unite, ennesima al Governo italiano)

RIASSUNTO

Uno degli ultimi appelli della scienza è riportato su questo articolo: https://www.ecowatch.com/pandemics-environmental-destruction-2645854694.html?rebelltitem=1#rebelltitem1“Gli autori sostengono che i piani di stimolo dei governi debbano includere iniziative sostenibili e positive per la natura. Potrebbe essere politicamente opportuno in questo momento allentare gli standard ambientali e sostenere settori come l'agricoltura intensiva, i trasporti a lunga distanza come le compagnie aeree e i settori energetici dipendenti dai combustibili fossili, ma farlo senza richiedere cambiamenti urgenti e fondamentali, sostanzialmente sovvenziona l'emergere di future pandemie ". Hanno anche criticato l'avidità sfrenata per aver permesso ai microbi che portano a nuove malattie di passare dagli animali agli umani. "La deforestazione dilagante, l'espansione incontrollata dell'agricoltura, l'agricoltura intensiva, lo sviluppo delle miniere e delle infrastrutture, nonché lo sfruttamento delle specie selvatiche hanno creato una" tempesta perfetta "per lo spargimento di malattie dalla fauna selvatica alle persone". Avvertono che si stima che 1,7 milioni di virus non identificati noti per infettare le persone esistano nei mammiferi e negli uccelli acquatici. Ognuno di questi può essere più dirompente e letale di COVID-19.

Per il sottoscritto, quello che preoccupa è il silenzio sulle soluzioni già proposte da chi non appartiene ai centri di potere, anche da parte di scienziati che scrivono articoli di denuncia di questo tipo. Tutti questi silenzi politici, scientifici, imprenditoriali, degli organi di informazione, dei sindacati e dei manifestanti ambientali, dimostrano che tutti lottano affinché le loro categoria o associazioni abbiano maggiore peso nelle trattative gestionale della distribuzione dei poteri. Delle soluzioni su come bisogna depurare, produrre energia, proteggere le foreste nessuno vuole parlare. Soprattutto se queste soluzioni esistono, ma le ha proposte un modesto pensionato che non ha poteri da distribuire.  Tutti vogliono soccorrere i potenti vincitori.  Io mi domando in quale pianeta vivono gli scienziati della Nasa, che hanno bilanci di spesa quasi illimitati. I quali stanno studiando addirittura di creare la forza gravitazionale artificiale nelle astronavi. Con quale energia primaria vogliono farlo? Se non hanno compreso che l’energia primaria che dialoga meglio di tutte le altre energia con l’elettromagnetismo universale, sia dal punto di vista economico che ambientale, che di efficienza energetica, è quella che sul pianeta Terra non è mai stata prodotta, dovuta al principio dell’impenetrabilità dei corpi, che non a caso, è derivata dall’addensamento dell’aria atmosferica intorno al nostro pianeta? Mentre loro stanno ancora a studiare propellenti chimici e reattori nucleari?   L’errore di base che ha condizionato gli scienziati e gli inventori che hanno prodotto l’inquinamento globale è stato il concetto del “moto perpetuo”, ossia che l’energia non si produca dal nulla. Tutti hanno dato per assodato, compreso Einstein, che l’energia primaria deve per forza essere prodotta attraverso la trasformazione della materia. Ovvero, consumare un combustibile attraverso uno scoppio che produce un gas o riscaldare l’acqua per produrre vapore, oppure consumare un materiale elettrolitico o radioattivo per innescare un processo che genera un flusso di elettroni.  Invece, l’energia primaria per mezzo della elasticità dell’aria, l’incomprimibilità dell’acqua e il principio dell’impenetrabilità dei corpi, può essere semplicemente presa in prestito dalla natura e restituita con la stessa composizione chimica, dopo aver prodotto energia elettrica e forza in momenti torcenti o spinte lineari di Lorentz. Se desideriamo che i 1,7 milioni di virus non identificati che sono in agguato, siano neutralizzati, prima che esplodano, dobbiamo rottamare l’attuale modello di sviluppo e riorganizzare scientificamente e globalmente il lavoro mondiale. Le istruzioni sono riportate su http://www.spawhe.eu.

CONCLUSIONI

Durante il mio lavoro di progettista e installatore di impianti industriali e ambientali, mi sono accorto che la società attuale a causa delle divisioni delle competenze scientifiche tecnologiche lavora a compartimenti stagni sia nel settore pubblico che in quello privato. Non ha creato professionisti in grado di collegare razionalmente sul territorio gli impianti antropici affinché producessero cicli depurativi ed energetici completi. Questa è la ragione per la quale io ritengo di essere stato più utile alla società da pensionato, che da progettista e installatore lavoratore dipendente, quando obbedivo agli ordini ricevuti per portare a casa uno stipendio. I problemi che io ho affrontato in quindici anni di lavoro non retribuito da nessuno, ai quali ho dovuto aggiungere anche circa 20.000 euro di spese per depositare i brevetti nazionali e internazionali. Di fronte alle migliaia di miliardi stanziati per affrontare l’emergenza Covid -19 sono pochi spiccioli ma per un pensionato di fascia medio bassa sono una spesa importante.

Essendomi occupato di problemi di pubblica utilità, a livello intellettuale, per suggerire le soluzioni, non per realizzarle direttamente, non posso anche spendere le mie scarse risorse economiche per fare ricorsi legali contro i rappresentanti del mio paese e del mio pianeta, che unanimemente, senza nessuna risposta scientifica, hanno cestinato le mie soluzioni di protezione globale dell’ambiente e di trasporti sostenibili.   

Questi grandi problemi avrebbero dovuto essere affrontati dalle le Nazioni Unite e da grandi statisti illuminati se avessero compreso che il grave problema mondiale è soprattutto la capacità di ragionare e progettare globalmente gli impianti antropici.  Purtroppo, non è facile che i politici possano avere intuizioni scientifiche sfuggite perfino ad Albert Einstein, come non è facile che tali intuizioni le possano avere gli specialisti scientifici e industriali, in quanto l’intera società è divisa verticalmente in molti settori paralleli come le facoltà universitarie, i ministeri dei governi, industrie specializzate, che non trasferiscono sufficienti informazioni a settori adiacenti, affinché gli impianti mondiali siano progettati globalmente.

Non è un caso che a livello mondiale nessuno scienziato abbia compreso la forza del principio dell’impenetrabilità dei corpi, come non è un caso che nessuno abbia messo insieme le spinte di newton e Lorentz sui trasporti aerei e spaziali, perché la progettazione globale doveva iniziare prima mettendo insieme gli impianti semplici, come le ciminiere e le fognature, poi gradualmente, risolvere i problemi dei cicli collaterali per prevenire effetti indesiderati e sempre gradualmente scegliere il processo energetico giusto che deve intervenire al momento giusto e al posto giusto, non solo per produrre energia ma anche per depurare e mantenere i valori alcalini ai giusti valori. Nei processi globali terrestri tutto deve essere collegato attraverso l’organizzazione scientifica del lavoro studiato globalmente. Nulla può essere lasciato al caso perché sarebbe anti economico o inefficiente.

Tuttavia, oggi le depurazioni e le energie interattive, almeno sulla carta,                                               esistono ugualmente progettate dal sottoscritto con il solo ragionamento. Per quali ragioni le hanno ignorate a livello nazionale, europeo e mondiale? Personalmente, come comune cittadino e persona di età avanzata ringrazio i politici italiani di avermi ordinato di restare in casa per non espormi al contagio, ma come tecnico, progettista e inventore mi aspetto risposte molto più importanti. Si consultino con tutti i consulenti scientifici che hanno a disposizione, ma la smettano di tacere sulle depurazioni e le energie interattive, perché questo è il mio lavoro e credo di saperlo fare molto meglio di quando ero un semplice lavoratore dipendente, condizionato dalle direttive aziendali.  Si assumano la responsabilità di dare delle risposte scientifiche esaurienti, altrimenti rischiano di perdere la credibilità guadagnata momentaneamente nella gestione di questa crisi che poteva fare molte più vittime e le può ancora fare. Non possiamo illuderci. La vita dopo la fase acuta del covid-19, non sarà mai più la stessa di prima. I governi e le Nazioni Unite non possono riaprire i cantieri che hanno sospeso se prima non modifichiamo i sistemi depurativi ed energetici mondiali, rendendoli interattivi, cioè contemporaneamente energetici e depurativi a basso costo e impatto ambientale. Tengano presente che non è sufficiente mettere insieme esperti di settori diversi per avere automaticamente le soluzioni, perché le soluzioni si esprimono pubblicando i progetti elaborati insieme.  Come ha fatto il sottoscritto pubblicando i progetti depurativi globali che hanno modificato le ciminiere e le fognature per realizzare cicli comuni globali. Come ha fatto anche nel caso del welling artificiale sollevando i carbonati dalle profondità oceaniche per creare fito e zooplancton combattendo l’acidificazione. Per quanto riguarda i mezzi di trasposto sarà sufficiente sostituire i motori termici con quelli idroelettrici compressi. Possibilmente sommando insieme anche la spinta di Newton e Lorentz per i mezzi di trasporto aereo e fermare sul nascere gli incendi che hanno distrutto foreste e savane.  Poi si vedrà la loro utilità anche nella corsa spaziale. Prima dobbiamo salvare il pianeta dalla incompetenza globale, mostrata dalle competenze specifiche degli attuali consulenti scientifici governativi e delle multinazionali dei trasporti in materia di ambiente a di energia.     

Luigi Antonio Pezone

 

 

 

COVID-19 AND THE WORLD BAG LOSSES ARE DUE TO THE UNKNOWN PRINCIPLE OF BODY IMPENETRABILITY.
l’energia primaria per mezzo della elasticità dell’aria, l’incomprimibilità dell’acqua e il principio dell’impenetrabilità dei corpi, può essere semplicemente presa in prestito dalla natura e restituita con la stessa composizione chimica, dopo aver prodotto energia elettrica e forza in momenti torcenti o spinte lineari di Lorentz. Se desideriamo che i 1,7 milioni di virus non identificati che sono in agguato, siano neutralizzati, prima che esplodano, dobbiamo rottamare l’attuale modello di sviluppo e riorganizzare scientificamente e globalmente il lavoro mondiale. Le istruzioni sono riportate su http://www.spawhe.eu.
Il COVID–19 E ILCROLLO DELLE BORSE MONDI[...]
Documento Adobe Acrobat [2.9 MB]

Contatti Contact

Ci potete contattare al numero -  contact us at the following telephone number:

39 0823 796712

39 340 5000 280

Potete usare il nostro modulo online. You can

use our online form

Per leggere o scaricare gli articoli, usare l'indice posto sopra l'immagine di apertura. Evidenziare il titolo e leggere l'articolo  che appare sotto l'immagine al posto della Home Page. 

To read or download the articles, use the index above the opening image. Highlight the title and read the article that appears below the image instead of the Home Page.

 

Luigi antonio Pezone

 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Industrial systems to combat the global warming, increase works, food, renewable energy SPAWHE. Via Caserta 33 - 81055 - Santa Maria Capua Vetere - ITALY -luigiantonio.pezone@gmail.com