SPAWHE Synergic Plants-Artificial Welling- Hydroelectric (pressurized) Energy energy purification system and marine food production
 SPAWHE Synergic Plants-Artificial Welling-Hydroelectric (pressurized) Energyenergy purification system and marine food production   

The new hydroelectric energy is the energy of the poor, that  the rich, the powerful and those who did wrong, do not want to produce.                       La nuova energia idroelettrica è l'energia dei poveri, che i ricchi, i potenti e coloro che hanno  sbagliato, non vogliono produrre. 

RELATIVITY AND TECHNOLOGY IN THE NEW HYDROELECTRIC ENERGY.
The new hydropower find an authoritative confirmation in the Relativity of Albert Einstein. The current hydrology applying the principle of conservation of energy in small details such as the variations of the sections, rightly stating that a decrease in speed corresponds to an increase in pressure and vice versa but is lost in complete plants, using water as a burden to be exploited to produce energy and to be lifted to distribute water and defend the territory. Unfortunately, the second part of hydrology, which raises the water is against the conservation of energy, because the water in the liquid version, is impalpable, indivisible, and incompressible and assumes the shape of the reservoir that contains it, therefore, in tanks always full, the water does not absorb energy for lifting, n
RELATIVITY AND TECHNOLOGY IN THE NEW HYD[...]
Documento Adobe Acrobat [6.9 MB]
RELATIVITA' E TECNOLOGIA NELLA NUOVA ENERGIA IDROELETTRICA
La nuova energia idroelettrica trova autorevoli conferme nella Relatività di Albert Einstein. L’attuale idrologia applica il principio della conservazione dell’energia nei piccoli dettagli come le variazioni di sezioni, affermando giustamente che a una diminuzione di velocità corrisponde un aumento di pressione e viceversa ma si perde negli impianti completi, usando l’acqua come un peso da sfruttare per produrre energia e da sollevare per distribuire l’acqua e difendere il territorio. Purtroppo, la seconda parte dell'idrologia, che solleva le acque, è contro la conservazione dell'energia, perché l'acqua nella versione liquida, è impalpabile, indivisibile, e incomprimibile e assume la forma del serbatoio che la contiene, pertanto, in serbatoi sempre pieni, l'acqua non assorbe
Relatività e tecnologia nella nuova ener[...]
Documento Adobe Acrobat [7.6 MB]

 

RELATIVITY AND TECHNOLOGY IN THE NEW HYDROELECTRIC ENERGY.

By Luigi Antonio Pezone

This presentation is made by the first and last chapter of the publication that follows, the seven intermediates chapters are full of drawings and tables so that even those who do not know enough about the principles of physics and hydraulics can understand that the only truly sustainable energy are not yetbeen made. Even the hydraulic lifts for the defense of the territory and the distribution of water should be redesigned by integrating them into the new energy.

The complete article can be downloaded in PDF in Italian or English from the website http://www.spawhe.eu, from which, through other articles can be seen that even in terms of purification, according to the signed, it start all over again. Even the other articles, rich designs of tables, you can download, but it is not just physics and hydraulics, but the organization of the territory to protect the environment. Writing that, from my point of view, everything is to be redone, I do not want to discourage anyone. Being optimistic by nature, I see the glass half full because there is work for everyone and it is better late than never noticing errors.  However, my optimism is not absolute, being conditioned by the awareness of the people who have ability to design and inventive, to which I think belong. To these people I say that our task is important because others can not do anything that hope in the work of others. We must go into detail energy, cleansing, and management, we no longer have to delegate who failed installations that are leading to global warming, that force us to invoke the rain and wind to get rid of smog, to fear drought and floods, because it was completely wrong management of the environment and water. Always, in my humble opinion, the fight against pollution is not done in the streets but clashing on every detail of the industrial design, energy and environment, so that all the designs, in addition to running the cycles of transformations that lead to major economic profit , they run simultaneously even the  collateral cycles of  social nature. This is basically the global purification, which differs completely from local treatment , which is not sufficient to close all cycles organic and inorganic left pending by the various human activities. Need above all structural works currently inexistent worldwide. Without the alternative designs (of me) no one would have noticed anything and no one will notice anything, in the future, when the system I propose would be buried (with patents already fallen) not by controversy with the experts, but the silence of oppositions.  Without a fight to the last detail, the overall protection of the environment is not possible and that local and incomplete no use almost anything, even the work that could be created, it will be only a mirage. Obviously, those who manage the industry, the environment and the economy, it does not compare with the projects of a pensioner. If they wanted to do so they would have already done. My activities of environmental inventor is decennial. Who will make future investments in the world will continue to make them in the likeness of the existing ones without resolving either the social or environmental problems. What they have created is under the eyes of all but the outlook of view depend on the positions where you put observers. The real difference can be seen only by entering the system and proving to be competent by questioning all the designs.  This could also serve to awaken the pride of designers public, which should be the engine of the economy, instead, they are a burden. Globally design is the key to environmental and energy problems. They should be able to advance the state of global, environment and energy allowing the legislator to adapt rules and regulations that bind individuals also to complete, as far as possible collateral cycles. Those who can not complete would become of public competence and therefore should be completed in the structural public works, which unfortunately does not exist. The existing sewers and treatment plants now give a hand to degenerate slurry, producing acidic water and do not serve to clean air. Solve these big problems is not impossible, the solution is the comprehensive environmental design that I published on the website http://www.spawhe.eu, but in the article that I enclose want to emphasize that planning Globally, can be found synergies between the different scientific and technological disciplines that would never be found. In fact, my objective was to take care of depuration, through the system SP (sinergic plants) but studying a new treatment system and environmental AW (artificial welling) vertically into the sea, the idea of hydropower submerged led reflections on the physical characteristics of water that do not serve in existing hydroelectric systems, based on the hydraulic jump, therefore, I had to add to the system SPAW also the abbreviation HE (hydroelectric energy). But as you will see the new hydropower does not require dams and reservoirs, it does not even require hydraulic lifts, while recycling the water, so it is the cleanest energy and economic of the world. The difference is very great, above all expectations, both in terms of initial investments, both in terms of production costs. On the other hand, how much would cost hydroelectric current, without dams and reservoirs and water that feeds endlessly turbines of all sizes? It is not like that, but very similar. Another major surprise is the mobile version of this new energy that could replace the internal combustion engines.          

 

  1. ABSTRACT

With this publication, I refer especially to the fathers of the science in the era before the industrial era, used the only reasoning to find links between the laws of space, matter and nature. With industrialization were born the specializations and these ties have been lost the global reasoning of science.  How modest designer, but above installer of systems, which has had the opportunity to range among the industrial, environmental and energy, I could not notice that there are huge gaps between a plant and another, even within the same systems, both in areas depurative, both in those energetic. The science of the past was universal while the modern that develops in laboratories has become partisan. The technology that did not exist was launched on the same street. He has made enormous progress and modern companies are super specialized in individual areas, but from an environmental perspective, there is no complete system in the world. Sorry to say this, but I think I am the only one in the world that fights to make installations global and multidisciplinary. The links that plant should recover losses, which transform the local pollution in global pollution I have denounced, in vain, in other publications. This publication, instead, is the synthesis of four patents that bring together power plants and water lifting after detailed reflections on the present state of the art. Like other environmental proposals of the undersigned, they are based on the synergies between scientific concepts and technologies that have rarely been put together rationally.

 Like the previous environmental proposals, these inventions  are making a very difficult path to be understood.  Who has the funds and funding goes his own way without worrying about these inventions and I can only hope that among those who visit my website http://www.spawhe.eu, together with the curious, there is also those who want to share these inventions, assuming responsibility to fund trials. No matter whether the role of the inventor will become marginal. The basic concepts on which they are based energy systems that I propose are visible to everyone, but no one sees them. The famous scientist Albert Einstein revealed asserting, with general relativity, that matter and energy can be considered as a unit, given that one can become the other according to a precise mathematical relationship. A practical confirmation of this statement we can find in the action of the wind can generate electricity through wind turbines but can also break the inertial balance between the troposphere and hydrosphere, creating kinetic energy in ocean currents. This, for myself, is the energy aspect underrated in the world, because even we can break this balance, artificially, by means of intubation of a small stream of water, a pump placed in the depth of the water and concentrate all 'kinetic energy produced on the blades of a hydraulic turbine. There is no law of conservation of energy that can prevent it and no energy balance to do, except that between the energy used and that produced, because we take energy from an endless source. The difference between expenditure and energy produced is immense, in favor of the energy produced, because we are not in an isolated system as the pendulum of Newton. In fact, all the weight of the water column intubated (m * g * h) gains kinetic energy (1/2 mv2) braked by the blades of the turbine, which produces electricity by alternator connected, under the weight of the water masses conveyed on the turbine to the effect of gravity and atmospheric pressure, once moved the masses of water below by means of the pump.  In fact, Einstein says that the energy provided it does not increase the speed of the body, but its mass: the body becomes more and more "heavy". This is also reflected in the practical calculations of the prevalence of lift pumps which is subtracted from the positive head on the suction side, being considered an energy in all respects. This energy becomes even more important if instead of raising the water we use pumps to produce energy. In this case, it is convenient that pumps orient the flow of the flow in the direction of the force of gravity and atmospheric pressure. Using this system the difference between the energy used and that produced becomes huge because the surface water has the same density as water below, and therefore does not need to rise to the surface, if we are in a small basin. But it is huge also because the output of the turbine, the hydrostatic pressure of the water can not oppose the kinetic energy remaining. In fact, because water is incompressible, at any depth is on the outlet, the hydraulic resistance to the output is always the same (v2 / 2g). Therefore, energy expenditure may be multiplied by a hundred, two hundred, etc. It depends only on the water column, which weighs on the pump and on the turbine. Obviously, one can not make any comparison to the performance of the energy produced by a thermal power plant or a thermal engine which do not arrive at forty percent of the lower calorific value of the fuel. At these low yields have to add the costs of extraction, transportation, refining and purification of fumes produced.

However, to make more versatile energy position of surface water and to use this energy in mobile systems it was also required the invention of the dual supply pumps on the suction side, which are the simplest invention of the undersigned. In fact, with this invention is fully closed the circle, showing that in addition to treatment plants worldwide, are also wrong lifting plants of water. Even the famous Moses of Venice, which cost 5.5 billion Euros and not yet functioning, could be designed differently: cheaper, more efficient, becoming, thanks to the invention of these pumps also energy producer. The absence of these pumps are easy to achieve with current technology, it has prevented the proper sustainable development of industrial, environmental, energetic. In fact, if they were born at the origin of the industrial age, probably, energy solutions summarized in this publication, they would make unnecessary the construction of large thermal plants; The transport of energy that wastes resources and pollutes; large pumps and large engines, which with new lift systems coupled to hydropower, not serve. The new hydroelectric power, if I'm right, can be produced everywhere, with yields tens or hundreds of times higher than the other energies, including fossil. This energy depends only on the energy potential possessed of the water that is used in recycling, without dams, large reservoirs and hydraulic jumps.  Anche l’estrazione dal sottosuolo di petrolio e gas, il trasporto e la raffinazione di questi combustibili, sarebbe inutile dal punto di vista economico. Di conseguenza non ci sarebbe nessun interesse a produrre questo tipo d’inquinamento, che rappresenta oltre il 90% dell’inquinamento totale. Of course, even the solar and wind power cannot compete with the new hydroelectric, not only because they not ensure continuity of operation and therefore require energy storage systems, but because they can harness the energy of position or pressure, that ensure high yields. In addition, they use materials endangered and must take into account the costs of disposal and the environmental impact that produce in the environment. Unfortunately, even the obvious necessity of changing the pumps was greeted with silence by the manufacturers. They do not look to the new market would open but only to that which would be closed.

 But we must also wonder why this simple pump, was not invented by insiders? For myself, the blame is always of the specializations. This modification could not be born by the test laboratories of the pumps, not even from tenders made by public offices, not even by multinational procurement, but from overall design of the plants that require technical creativity, that no one wants develop, preferring mono thematic applications, which not exceed their limits technological and scientific.  It is necessary public plant applications multidisciplinary.

Unfortunately silences public and private show that no one is working in this direction. At least the design public should be able to put together with technical expertise, especially industrial, which cannot be acquired at universities. Today, the energy and environmental problems are faced with solutions always mono thematic, and plants are put together with the machines offered by the market. But machine manufacturers are experts in machine building, not in the design of facilities globally. Moreover, the concept of the word implant, when it comes to environmental problems must be much expanded because the facilities cannot be monothematic. The dog will continue forever to bite its tail if designers public does not learn to update the state of the global daily with working groups that meet on a daily basis, as is done in a large manufacturing company that produces a complex, high technology, as the automotive industry. Too bad that this industry, in a hundred twenty years has not noticed that would change also the power supply of the motors. This could be another challenge of the future: decrease at most mobile generator of hydroelectric power, increasing the pressure exercise of a compressible gas on incompressible water, without fuel, with autonomy of runs today inconceivable, if not resort to dangerous nuclear energy. But nuclear energy hardly may be mounted on vehicles.   Of course it is also essential electronic technology developed for the control of the speed of electric motors, the aperture of the valves, the control of the pressures, but also this invention would not be possible without the dual supply pumps on the suction side, which will not allow the dispersion of the operating pressure, and not even water, which together will produce energy.  But manufacturers of combustion engines are developing hybrid engines that reduce pollution, not eliminate, while electrical machinery involve large costs for the disposal of batteries, low power and little autonomy path. The half solutions could go well when no were visible complete solutions as pressurized hydropower Mobile.

Is there anyone in the world, public or private, with greater economic means of a retired person who wants to go against the tide? I think the world, so big, is being lost in a small glass of water, because serve only a few thousand dollars or Euros to test the basic principles of these inventions. If everything works, the industrialization can be done quickly in conditions of fair competition between all interested companies, giving to Caesar what is Caesar's. It could also be a simple thank you.  As Inventor I do not believe to the current rules on intellectual property, which has never protected the inventors but only industrialists, who can pay protection. Industrial property now seems designed on purpose to protect only multinationals and commercial products.

9) CONCLUSIONS

There is not only one principle of conservation of energy. Apart from the general aphorism coined by Lavoisier, referring to the chemical but universally adaptable: "Nothing is created, nothing is lost, and everything is transformed". Other statements on energy conservation refers to physical, thermodynamic, chemical, isolated from each other, that in an open multidisciplinary system, become meaningless for all practical purposes, even if the universal budgetary the principles remain equally valid. I make these statements because, as I described in this article, I am sure to have found a way to extract artificially by the immense masses of atmospheric and water, the few hydroelectric power it takes to run the world, without the current very large infrastructure costs, which entails this type of energy. In fact, if all matter has the ability to turn into energy according to Einstein's theory, also making millions of plants located throughout the world the universal energy balance will not be affected, so we should not make any energy balance, as is the case with 'thermal energy, but only to take note of the energy gain between the consumption of the pump that triggers the system and maintains it, and the turbine which produces energy. This is not a miracle but the rational use of energy existing, applying the laws of physics and hydraulics, as has never been done, that is one-way, with the gravitational forces in the process of energy production, and concluding hydraulic output of the turbine with a major expansion of the Chamber, in a basin always full, which resets geodetic height differences or piezometric. We should not be fooled by the very low current yields pumps, having them used to lift water against the gravitational forces and separate circuits from the turbines. We should not be deceived by other energy efficiency that cannot take advantage of these forces, and especially on the performance of engines and power plants, which do not reach the performance compared to the 0.4 of lower calorific value of the fuel. How could this be higher yield if starting from scratch, without being able to exploit any conditions advantageous? We must, however, be surprised that the hydroelectric alternative, so easy to do in many versions and of any size, as to seem miraculous, does not exist still, after almost destroyed the planet, with pollution from fossil fuels. We have to surprise of the fact that the inventor of this energy has been forced to publish only because of simple reasoning, as Einstein had to do for explain to the world general relativity. But Einstein, was probably the greatest genius of all time, and build a prototype of the general relativity would be an impossible task even to the present times, and to experience alternative hydropower serve a few thousand euro. As an inventor, I am ashamed not to have them, because I've wasted my few savings paying taxes previous patent applications, that equally nobody wanted to experience.  But if I had not spent that money the world would never know that in addition to local treatment, there could be global purification. Because when I shut up the website http://spawhe.eu, disappear every trace of my work. Only Patent applications will remain visible in the time.  Is no coincidence that on the pages 21 -24 of this publication, I interrupted the logical flow of the description in order to emphasize that the undersigned believed to be in credit, with all the environmental authorities worldwide, who want to fight pollution and global warming. But not having had no response from any environmental or scientific authorities worldwide, the undersigned has not yet understood, which authorities are really interested in protecting of the environment, believing to be the only one who has designed global treatment plants (spanning whole territories together eliminating air, water and producing biologic energy), if the plants that that I have proposed, for them are not good, with such projects and what designers want to fight global warming? Since the known plants, have already failed? Therefore, the undersigned, was not surprised the silence with which these inventions were received, and continues to be based only on their own experience and their own reasoning, losing more every day that the estimate was, in science and in the authority of 'environment, when ten years ago, fresh out of retirement, ingenuously, decided to help out, also bringing the perspective of a technician used to put together different systems in industrial plants and in the environment. In fact, his intention was to to understand the need for systems by bridging the gaps between one area and another. After the first few years of work and the first solutions presented, understood that the authorities and the experts do not want to fill the gap but only increase investment in the environment without changing anything. Being unable to share this absurd strategy, to address the serious global warming, I continued my work in solitude. It is too easy to work in many, in great economic means, covered by the secrecy of corporate public or private. In this way, the failures of trials remain secret while the successes become public. Unfortunately, as a private inventor, are forced to work in complete transparency, both in case of failure than success. But above all, I am forced to beg, even the simplest experiments to convince the skeptics, who do not want to be convinced. In fact, nobody has pulled out a single euro. My work has become more and stranger, because treating public facilities, I should not find opposition if the solutions are useful. Instead, after so many years, still we do not know what they think of my solutions. They oppose a silence, unfortunately, similar to the isolation of unwanted people.

These, for myself, are the main reasons that do not allow to overcome serious problems such as urban pollution, and global. A citizen who has gained useful experience and wants to work, cannot find a public landmark, and can not even turn to private investors, being mindful not to propose commercial solutions. In fact, the overall protection of the environment can only be done through structural environmental works that have nothing to do with the current ones starting from sewers, treatment plants, power plants, incinerators, chimneys. It would be different if public bodies, proudly defend their solutions, oppose refuse motivated by experiments carried out and documented, criticizing the systems that the undersigned proposes. Design public does not defend their facilities because they know I'm right, and do not ammetter errors has focused its efforts on new sources of energy.  These, indeed, are making great strides, but always in relative comparison with fossil energy. So, we return to the starting point of general relativity, which would allow us to tap into very small parts of terrestrial energy, of cosmic origin, but enough to make the world go round with costs hundreds of times less than the current ones, both in terms of 'initial investment and production. While from the environmental point of view, even with beneficial effects, do not neutral. All this without even going into the research labs to develop mergers hot or cold. This energy can be transformed directly into small and very small yards, and applying the laws of physics and hydraulics. Einstein's relativity is only a confirmation.

Someone, between public and private companies, shows that tried and tested hydraulic diagrams that I propose. I am sure that no one has tried, not to misinterpretations of physics and hydraulics, but simply because nobody thought that pumps and hydraulic turbines could work together in the same system; that the pumps instead of lifting the water against gravity could exploit gravity to produce energy; and that the same pumps could have a dual power supply, not only for summing the flow rates, but also to exploit dynamically Pascal's principle, therefore, raise the water entering in the pump with lower pressure, at the expense of higher pressure. These are the reasons why is not yet born hydropower submerged, the terrestrial with recycling, and the mobile version. But are also the reasons for which are wrong from the point of view of energy all plants Hydraulic lifting, which together with the transport, are the largest energy costs in the world. Someone demonstrates too that he tried unsuccessfully to make the hydraulic diagram energy perpetual mobile that would consume only particles of air through the solubilization in water, and then, very slowly, ensuring energy autonomy unimaginable without costs to the state of the art, by means of a hybrid circuit: half opened and half closed and the combination of a pump with a double power supply and a turbine. Since no one can prove that they have tried to create plants with patent applications filed by the undersigned, there are huge possibilities, that in the world was wrong the entire industrial development, because the solutions I am proposing could be realized by at least half a century, simply faithfully applying physics and hydraulics principles of Newton, Bernoulli, Pascal, Einstein, neglecting generic ones on energy conservation, that are already included in the mathematical laws formulated by these great scientists. If he continues the silence of the authorities and science on these issues it will be a real hit-to the environment a sustainable economy and the health of citizens. The COP 21 beyond the fake agreements reached was the last episode of a fiction endless with a large cast of actors not of statesmen, which is repeated every year at the expense of taxpayers, along with other fiction of below level, discussing even of the problems, never the solutions. It 'obvious that the statesmen, cannot be even designer but should at least feel more bells in front to an environmental wellbeing which does not move, even though the technologies developed. If I am right, as I think to be, both on the purification systems than on energy, we need a new industrial revolution to remedy any mistakes made by the first. Who is without fault cast the first stone.  I do not have enough stones but I share equally especially politicians and scientists that dealt of the environment locally, unsustainable energy and volatile global economy, instead of the environment globally, sustainable energy, and global circular economy. I thank the fathers of science that I mentioned in this publication and other scientists who have been involved in other things. Naturally, anyone can throw stones at myself, but I hope that stones are detailed, not generic and silent as those who throw those who continue to feel superior despite the many errors committed.

VERSIONE ITALIANA

  RELATIVITA’ E TECNOLOGIA NELLA NUOVA ENERGIA IDROELETTRICA.

Di Luigi Antonio Pezone

Questa presentazione è costituita dal primo e ultimo capitolo della pubblicazione che segue, i sette capitoli intermedi sono ricchi di disegni e tabelle affinché anche coloro che non conoscono sufficientemente i principi della fisica e dell’idraulica possano comprendere che le uniche energie veramente sostenibili non sono ancora state realizzate. Anche i sollevamenti idraulici per la difesa del territorio e la distribuzione idrica dovrebbero essere riprogettati integrandoli nella nuova energia.

La versione integrale dell’articolo si può scaricare in PDF in italiano o in inglese in fondo a questa pagina. In questo sito, attraverso altri articoli si può notare che anche dal punto di vista depurativo, sempre secondo il sottoscritto, è tutto da rifare. Anche gli altri articoli, ricchi di tabelle disegni, si possono scaricare, ma non si tratta solo di fisica e idraulica, bensì dell’intera organizzazione del territorio per proteggere l’ambiente.

Scrivendo che, dal mio punto di vista, è tutto da rifare, non voglio scoraggiare nessuno. Essendo ottimista per natura, vedo il bicchiere mezzo pieno perché c’è lavoro per tutti e perché è meglio accorgersi degli errori tardi che mai.  Tuttavia il mio ottimismo non è assoluto, essendo condizionato dalla presa di coscienza delle persone che hanno capacità di progettazione e inventiva, alle quali credo di appartenere.  A tali persone dico che il nostro compito è importante perché gli altri non possono far altro sperare nell’opera altrui. Siamo noi  che dobbiamo entrare nei dettagli energetici,  depurativi,  e gestionale smettendola di delegare chi ha sbagliato gli impianti che ci stanno portando al riscaldamento globale, a invocare la pioggia e il vento per liberarci dello smog, a temere siccità e alluvioni, perché è stata sbagliata completamente la gestione delle acque. Sempre, secondo il mio modesto parere, la lotta all’inquinamento non si fa nelle piazze ma scontrandosi su ogni dettaglio delle progettazioni industriali, energetiche e ambientali, affinché in tutte le progettazioni, oltre a eseguire i cicli di trasformazioni principali che portano al profitto economico, si eseguano contemporaneamente anche i cicli collaterali, di carattere sociale. Questa è sostanzialmente la depurazione globale, che si differenzia completamente dalla depurazione locale, la quale non è sufficiente per chiudere tutti i cicli organici e inorganici lasciati in sospeso dalle varie attività umane. Occorrono soprattutto opere strutturali attualmente inesistenti in tutto il mondo. Senza la progettazione alternativa (del sottoscritto) nessuno si sarebbe accorto di niente e nessuno si accorgerà di niente, in futuro, quando i sistemi che propongo saranno seppelliti (con brevetti già decaduti) non dalle polemiche con gli addetti ai lavori, ma dal silenzio delle opposizioni.  Senza una lotta all’ultimo dettaglio, la protezione globale dell’ambiente non è possibile e quella locale e incompleta non serve quasi a niente, anche il lavoro che si potrebbe creare, sarà soltanto un miraggio.  Ovviamente, chi gestisce l’industria, l’ambiente e l’economia, non si confronta con i progetti di un pensionato. Se avessero voluto farlo lo avrebbero già fatto. La mia attività di inventore ambientale è ormai decennale. Chi farà i futuri investimenti nel mondo continuerà a farli a immagine e somiglianza di quelli esistenti senza risolvere né i problemi ambientali né quelli sociali.  Quello che hanno creato è sotto gli occhi di tutti ma le prospettive di vista dipendono dalle posizioni in cui si mettono gli osservatori. La differenza reale si può notare soltanto entrando nel sistema e dimostrando di essere competenti mettendo in discussione tutte le progettazioni. Questo potrebbe servire anche a svegliare l’orgoglio  dei progettisti pubblici, che dovrebbero essere il motore dell’economia, invece sono una zavorra. Progettare globalmente è la chiave dei problemi ambientali ed energetici.  Loro dovrebbero essere in grado di avanzare lo stato dell’arte globalmente, nell’ambiente e nell’energia permettendo al legislatore di adeguare le normative che vincolerebbero anche i privati a completare, nel limite del possibile i cicli collaterali. Quelli che non si possono completare diventerebbero di competenza pubblica e pertanto devono essere completati nelle opere strutturali pubbliche, che purtroppo non esistono. Le fogne e i depuratori esistenti si danno una mano a degenerare i liquami, a produrre acque acide e non servono a depurare l’aria. Risolvere questi grandi problemi non è impossibile, la soluzione è la progettazione ambientale globale che ho pubblicato sul sito web http://www.spawhe.eu, ma nell’articolo che allego voglio sottolineare il  fatto che progettando globalmente, si trovano sinergie tra le diverse discipline scientifiche e tecnologiche che non sarebbero mai state trovate. Infatti, il mio obiettivo era quello di occuparmi di depurazioni,  attraverso il sistema SP (sinergic plants) ma studiando un nuovo sistema depurativo e ambientale AW (artificial welling) in verticale nel mare, è nata l’idea dell’idroelettrico sommerso che ha portato a riflessioni sulle caratteristiche fisiche dell’acqua che non servono negli attuali sistemi idroelettrici, basati sul salto idraulico, pertanto, ho dovuto aggiungere al sistema SPAW anche la sigla HE (hydroelectric energy). Ma come vedrete la nuova energia idroelettrica non richiede dighe e bacini, non richiede nemmeno sollevamenti idraulici, pur riciclando le acque, pertanto è l’energia più pulita ed economica del mondo. La differenza è grandissima, sopra ogni aspettativa, sia in termini d’investimenti iniziali, sia in termini di costi di produzione. D’altra parte, quanto costerebbe l’idroelettrico attuale, senza dighe e bacini e con l’acqua che alimenta all’infinito turbine di ogni dimensione? Non è proprio così, ma molto simile. Un’altra sorpresa importante è la versione mobile di questa nuova energia che potrebbe sostituire i motori termici.

 

            

1)           RIASSUNTO

Con questa pubblicazione, mi riallaccio soprattutto, ai padri della scienza che nell’epoca antecedente all’epoca industriale, usavano il solo ragionamento a trovare legami tra le leggi dello spazio, della materia e della natura. Con l’industrializzazione sono nate le specializzazioni e si sono persi i ragionamenti globali della scienza. Come modesto progettista, ma soprattutto installatore d’impianti, che ha avuto l’opportunità di spaziare nelle tecnologie industriali, ambientali ed energetiche, non ho potuto non notare che esistono vuoti enormi tra un impianto e l’altro, persino nell’ambito degli stessi impianti, sia nei settori depurativi, sia in quelli energetici, sia in quelli gestionali. La scienza del passato era universale mentre quella moderna che si sviluppa nei laboratori è diventata di parte. La tecnologia che non esisteva si è avviata sulla stessa strada. Ha fatto progressi enormi e le aziende moderne sono super specializzate in singoli settori, ma dal punto di vista ambientale, non esiste nel mondo nessun impianto completo. Mi dispiace dirlo, ma credo di essere il solo al mondo che si batte per realizzare impianti globali e multidisciplinari. I collegamenti impiantistici che dovrebbero recuperare le dispersioni, che trasformano l’inquinamento locale in inquinamento globale li ho denunciati, inutilmente, in altre pubblicazioni. Questa pubblicazione, invece, è la sintesi di quattro brevetti che mettono insieme impianti energetici e di sollevamento acque dopo approfondite riflessioni sull’attuale stato dell’arte. Come le altre proposte ambientali del sottoscritto, si basano sulle sinergie tra concetti scientifici e tecnologie che raramente sono state messe insieme razionalmente.

Come le precedenti proposte ambientali, queste invenzioni stanno compiendo un percorso molto difficile per essere comprese. Chi ha fondi e finanziamenti va avanti per la propria strada senza preoccuparsi di queste invenzioni e io posso solo sperare che tra coloro che visitano il mio sito http://www.spawhe.eu, insieme con i curiosi, ci sia anche chi vuole condividere queste invenzioni, assumendosi l’onere di finanziare le sperimentazioni. Non importa se il ruolo dell’inventore diventerà marginale.  I concetti basilari sui quali si basano i sistemi energetici che propongo sono sotto gli occhi di tutti, ma nessuno li vede. Il famoso Scienziato Albert Einstein li ha svelati asserendo, con la relatività generale, che la materia e l’energia possono essere considerate unitariamente, dato che l'una può trasformarsi nell'altra secondo una precisa relazione matematica. Un riscontro pratico di questa affermazione lo possiamo trovare nell’azione del vento che può produrre energia elettrica attraverso le pale eoliche ma può anche rompere l'equilibro inerziale tra troposfera e idrosfera, creando energia cinetica nelle correnti marine. Questo, per il sottoscritto, è l’aspetto energetico, sottovalutato a livello mondiale, poiché, anche noi possiamo rompere tale equilibrio, artificialmente per mezzo dell'intubazione di una piccola corrente di acqua e una pompa posta nelle profondità dell'acqua e concentrare tutta l'energia cinetica prodotta sulle pale di una turbina idraulica. Non c'è nessuna legge della conservazione dell'energia che possa impedirlo e nessun bilancio energetico da fare, se non quello tra l'energia spesa e quella prodotta, poiché preleviamo energia da una fonte infinita.   La differenza tra energia spesa e prodotta è immensa, a favore dell'energia prodotta, poiché non siamo in un sistema isolato come il pendolo di Newton. Infatti, tutto il peso della colonna d'acqua intubata (m*g*h) acquista energia cinetica (1/2 mV2) frenata dalle pale della turbina, il cui alternatore collegato produce energia elettrica, in virtù del peso delle masse d’acqua convogliate sulla turbina per effetto della gravita e della pressione atmosferica, una volta spostate le masse di acqua sottostanti per mezzo della pompa. Infatti, Einstein afferma che l’energia fornita non incrementa la velocità del corpo, ma la sua massa: il corpo diventa sempre più “pesante”. Questo trova riscontro anche nei calcoli pratici delle prevalenze delle pompe di sollevamento alle quali è sottratto il battente positivo sul lato aspirante, essendo considerato un’energia a tutti gli effetti. Quest’energia diventa ancora più importante se invece di sollevare le acque vogliamo utilizzare le pompe per produrre energia. In tale caso, conviene che le pompe orientino il flusso della portata in direzione della forza di gravità e della pressione atmosferica. Usando questo sistema la differenza tra l'energia spesa e quella prodotta diventa enorme anche perché l'acqua superficiale ha la stessa densità dell'acqua sottostante e pertanto non ha bisogno di risalire in superficie, se ci troviamo in un bacino ristretto. Ma è enorme anche perché all'uscita della turbina la pressione idrostatica dell'acqua non può opporsi all'energia cinetica residua.  Infatti, essendo l'acqua incomprimibile, a qualsiasi profondità si trovi lo sbocco, la resistenza idraulica all'uscita è sempre la stessa (v2/2g). Quindi, l’energia spesa può essere moltiplicata per cento, duecento etc.  Dipende soltanto dalla colonna d'acqua che grava sulla pompa e sulla turbina.  Ovviamente, non si può fare nessun confronto con il rendimento dell'energia prodotta da una centrale termica o di un motore termico che non arrivano al quaranta per cento del potere calorifero inferiore del combustibile. A questi bassi rendimenti è necessario aggiungere i costi di estrazione, trasporto, raffinazione e depurazione dei fumi prodotti.     

Tuttavia, per sfruttare in modo più versatile l’energia di posizione delle acque superficiali e per utilizzare tale energia anche in impianti mobili era necessaria anche l’invenzione delle pompe con doppia alimentazione sul lato aspirante, che sono l’invenzione più semplice del sottoscritto. Infatti, con quest’invenzione si chiude completamente il cerchio, dimostrando che oltre agli impianti depurativi mondiali, sono sbagliati anche gli impianti di sollevamento delle acque. Persino il famoso Mose di Venezia, costato 5,5 miliardi di euro e non ancora funzionante, poteva esser concepito diversamente: più economico, più efficiente, diventando, grazie all’invenzione di queste pompe anche produttore di energia. L’assenza di tali pompe, semplici da realizzare con le tecnologie attuali, ha impedito il corretto sviluppo sostenibile dei sistemi industriali, ambientali, energetici. Infatti, se fossero nate all’origine dell’era industriale, probabilmente, le soluzioni energetiche riassunte in questa pubblicazione, avrebbero reso inutili le costruzioni di grandi impianti termici; Il trasporto di energia che spreca risorse e inquina; le grandi pompe e i grandi motori, che con i nuovi sistemi di sollevamento accoppiati all’energia idroelettrica, non servirebbero. La nuova energia idroelettrica, se ho ragione, è producibile dappertutto, con rendimenti decine o centinaia di volte superiori alle altre energie, compresa quella fossile. Anche gran parte dell’estrazione dal sottosuolo di petrolio e gas, il trasporto e la raffinazione di questi combustibili, sarebbe inutile dal punto di vista economico. Di conseguenza non ci sarebbe stato il movente, che comporta oltre il 90% dell’inquinamento totale. Ovviamente, anche il solare e l’eolico non possono competere con il nuovo idroelettrico, non solo perché non assicurano la continuità di esercizio e quindi necessitano di sistemi di accumulo energetici, ma anche perché non possono sfruttare l’energia di posizione o di pressione. Purtroppo anche l’evidente necessità di queste pompe è stato accolto con il silenzio dai costruttori. Loro non guardano al nuovo mercato che si aprirebbe ma solo a quello che si chiuderebbe.

Ma bisogna chiedersi perché anche questa semplice pompa, non è stata inventata dagli addetti ai lavori? Per il sottoscritto la colpa è sempre delle specializzazioni.  Questa modifica non poteva nascere dai laboratori di prova delle pompe, nemmeno dalle gare di appalto fatte dagli uffici pubblici, nemmeno dalle multinazionali degli appalti, ma dalla progettazione globale degli impianti, che nessuno vuole sviluppare, preferendo applicazioni mono tematiche, che non possono superare i propri limiti tecnologici e scientifici.  Sono necessarie applicazioni impiantistiche pubbliche multidiscipliari.

Purtroppo i silenzi pubblici e privati dimostrano che nessuno lavora in questa direzione. Almeno la progettazione pubblica dovrebbe essere in grado di mettere insieme tecnici con esperienze diverse, soprattutto industriali, che non si possono acquisire nelle università. Oggi, gli impianti ambientali ed energetici si mettono insieme con le macchine che offre il mercato. Ma i costruttori di macchine sono specialisti nella costruzione delle macchine, non nella progettazione degli impianti globalmente.  Il cane continuerà in eterno a mordersi la coda se i progettisti pubblici non imparano ad aggiornare lo stato dell’arte globale quotidianamente con gruppi di lavoro che si incontrano quotidianamente, come avviene in una grandissima azienda manifatturiera che produce un prodotto complesso e di alta tecnologia, come l’industria automobilistica.  Peccato che quest’industria, in cento venti anni non si sia accorta che doveva cambiare anche la fonte energetica dei motori. Questa potrebbe essere un’altra sfida del futuro: rimpicciolire al massimo il generatore mobile di energia idroelettrica, proposto dal sottoscritto, aumentando la pressione di esercizio di un gas comprimibile sull’acqua incomprimibile, senza combustibili, con autonomie di percorsi oggi inconcepibili, se non si ricorre a pericolose energie nucleari. Ma le energie nucleari difficilmente si potranno montare sui mezzi di trasporto.   Naturalmente è indispensabile anche la tecnologia elettronica sviluppata per il controllo delle velocità dei motori elettrici, l’aperura delle valvole, il controllo delle pressioni. Ma anche quest’invenzione non sarebbe possibile senza le pompe con doppia alimentazione sul lato aspirante, che non consentirà la dispersione della pressione di esercizio e nemmeno dell’acqua, che insieme produrranno energia. Ma i costruttori di motori termici stanno sviluppando i motori ibridi che ridurranno l’inquinamento, non lo elimineranno, mentre le macchine elettriche comporteranno grandi oneri di smaltimento degli accumulatori, poca potenza e poca autonomia di percorso. Le mezze soluzioni potevano andar bene quando non s’intravedevano soluzioni complete, come l’idroelettrico mobile pressurizzato.

 C’è qualcuno nel mondo, pubblico o privato, con maggiori mezzi economici di un pensionato che vuole andare controcorrente? Io penso che il mondo, tanto grande, si stia perdendo in un piccolo bicchiere d'acqua, perché servono soltanto poche migliaia di dollari o euro per verificare i principi basilari di queste invenzioni. Se tutto funziona, e io non ho dubbi, l’industrializzazione si può fare rapidamente in regime di concorrenza leale tra tutte le aziende interessate, dando a Cesare quello che e di Cesare. Potrebbe essere anche un semplice ringraziamento. Come inventore io non credo alle attuali regole della proprietà intellettuale, che non hanno mai protetto gli inventori ma soltanto gli industriali, che possono pagare la protezione. La proprietà industriale attuale sembra concepita apposta per proteggere soltanto le multinazionali e i prodotti commerciali.

9)           CONCLUSIONI

Non esiste un solo principio sulla conservazione dell’energia. A parte l’aforisma generico coniato da Lavoisier, riferito alla chimica ma adattabile universalmente: “Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma”. Le altre enunciazioni sulla conservazione dell’energia si riferiscono a fenomeni fisici, termodinamici, chimici, isolati gli uni dagli altri, che in un sistema aperto e multidisciplinare, perdono di significato, ai fini pratici, anche se nel bilancio universale mondiale i principi restano ugualmente validi.  Faccio queste affermazioni perché, come ho descritto nel presente articolo, sono certo di aver trovato il sistema per estrarre artificialmente dall’immensa energia delle masse atmosferiche e acquatiche, la poca energia idroelettrica che serve per far girare il mondo, senza gli attuali grandissimi costi infrastrutturali, che comporta questo tipo di energia.  Infatti, se tutta la materia ha la capacità di trasformarsi in energia secondo la teoria di Einstein, anche realizzando milioni d’impianti distribuiti sul pianeta   l’equilibro energetico universale non sarà intaccato, pertanto non dobbiamo fare alcun bilancio energetico, come avviene con l’energia termica, ma soltanto prendere atto del guadagno energetico tra il consumo della pompa che innesca il sistema e lo mantiene, e la turbina che produce energia. In ogni caso, come dai calcoli esibiti, per ogni kw speso avremo centinaia di kw prodotti. Non si tratta di un miracolo ma dello sfruttamento razionale dell’energia esistente, applicando razionalmente le leggi della fisica e dell’idraulica, come non è mai stato fatto, cioè a senso unico, con le forze gravitazionali nella fase di produzione energetica, e concludendo il circuito idraulico all’uscita della turbina con una grande espansione di sezione, in un bacino sempre pieno, che azzera dislivelli geodetici o piezometrici. Non dobbiamo lasciarci ingannare dai bassissimi rendimenti attuali delle pompe, avendole impiegate per sollevare le acque contro le forze gravitazionali e in circuiti separati dalle turbine. Non dobbiamo nemmeno lasciarci ingannare dal rendimento delle altre energie che non possono sfruttare queste forze, e soprattutto dal rendimento dei motori e delle centrali termiche, che non arrivano al rendimento 0,4 rispetto al potere calorifero inferiore del combustibile.  Come potrebbe essere superiore questo rendimento se parte da zero, senza poter sfruttare nessuna condizione vantaggiosa? Ci dobbiamo, invece, meravigliare del fatto che l’idroelettrico alternativo, così semplice da realizzare in molte versioni e di qualsiasi dimensione, da sembrare miracoloso, ancora non esiste, dopo aver quasi distrutto il pianeta, con l’inquinamento da energia fossile. Ci dobbiamo meravigliare del fatto che l’inventore di questa energia è stato costretto a pubblicarla solo in base a semplici ragionamenti, come dovette fare Einstein per spiegare al mondo la relatività generale.  Ma Einstein, probabilmente è stato il più grande genio di tutti i tempi e, realizzare un prototipo della gravità generale sarebbe un’impresa impossibile anche ai tempi attuali, mentre per sperimentare l’energia idroelettrica alternativa servono poche migliaia di euro.  Come inventore, mi vergogno di non averli, per il fatto che ho sprecato i miei pochi risparmi pagando tasse per precedenti depositi di brevetti, che ugualmente nessuno ha voluto sperimentare. Ma se non avessi speso quei soldi il mondo non avrebbe mai saputo che oltre alle depurazione locale, potrebbe esserci anche la depurazione globale.  Perché quando chiuderò il sito web http://spawhe.eu, scomparirà ogni traccia del mio lavoro. Solo i depositi di brevetto resteranno visibili nel tempo.   Non a caso nelle pagine 23 -26 di questa pubblicazione, ho interrotto il flusso logico della descrizione per sottolineare che il sottoscritto crede di essere in credito, con tutte le autorità ambientali mondiali, che vogliono combattere l’inquinamento e il riscaldamento globale. Ma non avendo avuto nessuna risposta da nessuna autorità ambientale o scientifica mondiale, il sottoscritto non ha ancora compreso, quali sono le autorità veramente interessate alla protezione dell’ambiente, ritenendo di essere l’unico che ha progettato impianti di depurazione globali (che abbracciano interi territori depurando insieme aria, acqua e producendo energia),  se gli impianti che ha proposto, non sono buoni, con quali progetti e quali progettisti vogliono combattere il riscaldamento globale? Visto che gli impianti noti, hanno già fallito? Pertanto, il sottoscritto, non si è meravigliato  del silenzio  con il quale sono state accolte queste altre invenzioni, e continua a basarsi soltanto sulla propria esperienza e i propri ragionamenti, perdendo ogni giorno di più la stima che aveva,  nella scienza  e nelle autorità dell’ambiente, quando dieci anni orsono, fresco di pensione, decise ingenuamente  di dare una mano, portando anche il punto di vista di un tecnico abituato  a mettere insieme impianti diversi tra loro negli stabilimenti industriali e  nell’ambiente.  Infatti la sua intenzione era quella di far comprendere la necessità di realizzare impianti globali colmando i vuoti esistenti tra un settore è l’altro. Dopo i primi anni di lavoro è le prime soluzioni presentate, comprese che le autorità e gli addetti ai lavori non vogliono colmare i vuoti ma solo aumentare gli investimenti nell’ambiente senza cambiare niente.  Non potendo condividere questa assurda strategia, di fronte al grave riscaldamento globale ho continuato in solitudine il mio lavoro. 

E’ troppo comodo lavorare, in tanti, con ricchezza di mezzi economici, coperti dal segreto aziendale pubblico o privato. In questo modo i fallimenti delle sperimentazioni restano segreti mentre i successi diventano pubblici.  Purtroppo, come inventore privato, sono costretto a lavorare nella massima trasparenza, sia in caso di fallimento che di successo, ma soprattutto, sono costretto ad elemosinare, anche le più semplici sperimentazioni, per convincere gli scettici, che non vogliono essere convinti. Infatti, nessuno ha tirato fuori un sol euro. Il mio lavoro è diventato sempre più strano perché trattando impianti pubblici, non avrei dovuto trovare opposizioni se le soluzioni sono utili.  Invece, dopo tanti anni, ancora non si sa cosa pensano delle mie soluzioni. Oppongono un silenzio, purtroppo, simile all’omertà. 

Queste, per il sottoscritto, sono le ragioni principali che non consentono di superare problemi gravissimi come l’inquinamento urbano, e globale. Un cittadino che ha maturato esperienze utili e che vuole collaborare, non trova nessun punto di riferimento pubblico e non può rivolgersi nemmeno a investitori privati, essendo consapevole di non proporre soluzioni commerciali. Infatti, la protezione globale dell’ambiente si può fare solo attraverso opere strutturali ambientali, che non hanno nulla a che vedere con quelle attuali, a partire dalle fogne, depuratori, centrali termiche, inceneritori, ciminiere. Sarebbe già diverso se gli enti pubblici, difendessero con orgoglio le loro soluzioni, opponessero rifiuti motivati da sperimentazioni effettuate e documentate, criticando i sistemi che il sottoscritto propone.  La progettazione pubblica non difende i propri impianti perché sa che ho ragione, e per non ammetter gli errori ha concentrato i propri sforzi sulle nuove energie. Queste, effettivamente, stanno facendo passi da giganti, ma sempre nel confronto relativo con l’energia fossile. Quindi, ritorniamo al punto di partenza della relatività generale, che ci consentirebbe di attingere a piccolissime parti dell’energia terrestre, di origine cosmica, ma sufficienti a far girare il mondo con costi centinaia di volte inferiori a quelli attuali, sia in termini d’investimenti iniziali che di produzione. Mentre dal punto di vista ambientale, addirittura, con effetti benefici, non neutrali. Tutto questo senza nemmeno entrare nei laboratori di ricerca per mettere a punto fusioni calde o fredde. Quest’energia si può trasformare direttamente in piccoli e piccolissimi cantieri, applicando le comuni leggi della fisica e dell’idraulica. La relatività di Einstein è solo una conferma.

Qualcuno, tra aziende pubbliche e private, dimostri che ha provato e sperimentato gli schemi idraulici che propongo. Io sono certo che nessuno  ci ha provato, non per errate interpretazioni della fisica e dell’idraulica, ma semplicemente perché nessuno ha pensato che pompe e turbine idrauliche  potessero lavorare insieme nello stesso impianto; che  le pompe invece di sollevare l’acqua contro la gravità potessero sfruttare la gravità per produrre energia; e che le stesse pompe potessero avere una doppia alimentazione, non solo per sommare le portate, ma anche per sfruttare dinamicamente il principio di Pascal,  pertanto sollevare le acque che entrano nella pompa con pressione minore, a spese della pressione maggiore. Queste sono le ragioni per le quali non è ancora nato l’idroelettrico sommerso, quello terrestre con riciclo, e quello in versione mobile. Ma sono anche le ragioni per le quali sono sbagliati dal punto di vista energetico tutti gli impianti di sollevamento idraulici, che insieme ai trasporti, sono la spesa energetica più grande del mondo.  Qualcuno dimostri pure che ha provato a realizzare senza successo lo schema idraulico dell’energia perpetua mobile, che consumerebbe solo particelle di aria attraverso la solubilizzazione nell’acqua e quindi, molto lentamente, assicurando autonomie energetiche senza costi impensabili allo stato attuale dell’arte, per mezzo di un circuito ibrido: mezzo aperto e mezzo chiuso e l’abbinamento di una pompa con doppia alimentazione e una turbina. Poiché nessuno può dimostrare di aver provato a realizzare gli impianti depositati con domande di brevetto dal sottoscritto, ci sono grandissime possibilità, che nel mondo sia stato sbagliato l’intero sviluppo industriale, perché le soluzioni che propongo, potevano essere realizzate da almeno mezzo secolo, semplicemente applicando fedelmente alla fisica e all’idraulica, i principi di Newton, Bernoulli, Pascal, Einstein, tralasciando, quelli generici sulla conservazione dell’energia, essendo già compresi nelle leggi matematiche  formulate da questi grandi scienziati.  Se continua il silenzio delle autorità ambientali e della scienza su questi argomenti, sarà un’autentica omissione di soccorso verso l’ambiente, l’economia e la salute dei cittadini. Il COP 21, al di là dei finti accordi raggiunti, è stata l’ultima puntata di una fiction infinita con un grande cast di attori, non di statisti, che si ripete tutti gli anni a spese dei contribuenti, insieme ad altre fiction di livello inferiore, dove si approfondiscono i problemi, mai le soluzioni. E’ ovvio che gli statisti non possono essere anche progettisti, ma dovrebbero almeno essere in grado di scegliere i progetti più completi dal punto di vista ambientale; mentre dal punto di vista energetico, dopo aver visto funzionare soluzioni termiche, nucleari, idroelettriche, solari, eoliche, per semplice curiosità, pur non credendo alla moltiplicazione energetica, che il sottoscritto promette, potrebbero provare anche l’idroelettrico alternativo che non costa quasi niente dal punto di vista infrastrutturale e tecnologico.

 Se ho ragione, come sono certo, sia sui sistemi depurativi che su quelli energetici, occorre una nuova rivoluzione industriale per rimediare a tutti gli errori commessi dalla prima. Chi è senza colpe scagli la prima pietra. Io non ho pietre sufficienti ma le ripartisco in parti uguali soprattutto ai politici e agli scienziati che si sono occupati di ambiente localmente, di energia insostenibile e di economia volatile globale, invece dell’ambiente globalmente, dell’energia sostenibile, e di economia circolare globale. Ringrazio i padri della scienza che ho citato in quest’articolo e gli altri scienziati che si sono occupati di altre cose. Naturalmente, chiunque può scagliare pietre contro il sottoscritto, ma spero che siano pietre dettagliate, non silenziose e generiche come quelle che lanciano coloro che continuano a sentirsi superiori nonostante i tantissimi errori commessi. 

 

Contatti Contact

Ci potete contattare al numero -  contact us at the following telephone number:

 

39 0823 796712

 

Potete usare il nostro modulo online. You can

use our online form

Luigi antonio Pezone

 

 

<< Nuova casella di testo >>

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Industrial systems to combat the global warming, increase works, food, renewable energy SPAWHE. Via Caserta, 5 81055 Santa Maria Capua Vetere ITALY luigiantonio.pezone@gmail.com